Concorsi a premi senza notaio

Si possono organizzare concorsi a premio senza dover pagare un notaio per verbalizzare l’assegnazione dei premi?

Le normativa vigente che disciplina i concorsi a premi, il D.P.R. n.430 del 2001 stabilisce che ogni fase dell’assegnazione dei premi è effettuata, a spese della società promotrice, alla presenza di un notaio o del responsabile della tutela del consumatore e della fede pubblica competente per territorio o di un suo delegato.

Si tratta di un norma a tutela dei consumatori volta a garantire la parità di trattamento tra i partecipanti: obbliga tutti gli organizzatori di concorsi a premi in Italia, anche concorsi che si svolgono sui social, a rispettare i criteri di assegnazione indicati nel regolamento evitando quindi che i premi vengano assegnati con discrezionalità. Cosi, che il criterio di assegnazione sia

  • una classifica di voti
  • il giudizio di una giuria
  • un sorteggio manuale da un’urna
  • un sorteggio mediante sistema informatico

tutto si deve svolgere alla presenza del notaio o del funzionario camerale, anche in caso di contest su Instagram o su Facebook.

Il notaio o il responsabile della tutela del consumatore e della fede pubblica redige il verbale delle operazioni di assegnazione.

L’eccezione: il concorso a premi instant win

Nel caso di concorsi a premi instant win, cartacei come i Gratta&Vinci oppure digitali con giochi elettronici, è materialmente impossibile una sorveglianza continua nel corso di tutto il concorso da parte del notaio o funzionario camerale: ti immagini un notaio all’infopoint di un Centro Commerciale a controllare tutti i clienti che grattano i gratta&vinci? E come potrebbe controllare i tagliandi di quanti si portano i Gratta&Vinci a casa e giocano fuori dal Centro Commerciale? Oltre ad essere impossibile la parcella del notaio ammonterebbe ad una cifra astronomica.

Il legislatore italiano ha considerato anche questa possibilità ed ha stabilito che <<In caso di inserimento di tagliandi o altri elementi vincenti tra quelli non vincenti, i soggetti promotori rendono una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, attestando che la detta operazione è effettuata in conformità a quanto previsto nel regolamento del concorso>>. Nei concorsi a premi Instant Win non è quindi necessario l’intervento del notaio o funzionario camerale.

È il caso, per esempio, dal Concorso a premi COMPRA LEVONI & VINCI FIAT 500 HYBRID, l’innovativo probability contest ideato da Max Marketing per LEVONI cha ha assegnato in modalità instant win numerosi premi tra FIAT 500 Hybrid, Voucher Levoni da 250 e 100 euro

Cosa succede in caso di concorsi Instant Win + estrazione finale di super premi?

Si possono realizzare anche concorsi a premi che prevedono due modalità distinte di partecipazione, una fase instant win in cui si vincono premi istantanei ed una fase ad estrazione tra tutti i partecipanti che compilano una cartolina e la imbucano in un’urna: nella prima modalità i premi vengono assegnati senza l’intervento del notaio o funzionario camerale, mentre i premi a sorteggio della seconda modalità vengono assegnati alla presenza del pubblico ufficiale che redige apposito verbale.  Cosi abbiamo proceduto, per esempio, nel Concorso a premi “VINCI UNA 500 CON ACQUATICA” , in cui sono stati assegnati migliaia di premi in modalità instant win ed una Fiat 500 Hybrid mediante estrazione di cartoline da un’urna, effettuata alla presenza del funzionario della camera di commercio di Bergamo.

La chiusura: il notaio o funzionario camerale è sempre obbligatorio

Per ogni concorso a premi, anche per i concorsi instant win ed anche per i social contest, è necessario presentarsi dal notaio o dal funzionario camerale con i documenti attestanti la consegna dei premi agli aventi diritto (in caso di instant win, si consegnano anche i tagliandi vincenti e le liberatorie-ricevute di consegna dei premi). Il pubblico ufficiale redige il cosiddetto “verbale di chiusura” che noi di Max Marketing, come agenzia delegata dalla società organizzatrice del concorso, trasmettiamo al Ministero dello Sviluppo Economico.

VUOI REALIZZARE UN CONCORSO A PREMI IN REGOLA CON LA NORMATIVA?
COMPILA IL FORM SOTTOSTANTE PER RICEVERE INFORMAZIONI?

    *obbligatorio


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    << Aspetta! Forse potrebbe interessarti anche... >>