5 consigli per semplificare l'organizzazione di un concorso a premi

5 consigli per semplificare l’organizzazione di un concorso a premi

11 Luglio 2023

Indice dei Contenuti

Organizzare un concorso a premi rappresenta un’attività vantaggiosa per le aziende moderne, siano esse di respiro locale, nazionale o internazionale. Un concorso a premi, infatti, se ben organizzato e comunicato ha il potere di coinvolgere il pubblico, facendo conoscere i prodotti e i servizi offerti dall’azienda, creando maggiore interesse e un’aspettativa che può trasformarsi in una potenziale vendita.

Indire un concorso a premi, però, non è un processo semplice: occorre, infatti, valutare numerosi aspetti legati a questa attività, per non dover incorrere in spiacevoli sorprese. Rivolgersi a un professionista è sempre la scelta più adeguata. Ma quali sono i consigli dei professionisti per semplificare l’organizzazione di un concorso a premi?

Scopriamo 5 consigli utili per rendere più veloce ed efficiente il processo organizzativo.

Analizzare la normativa di riferimento

In fase di pianificazione, è bene innanzitutto valutare la normativa vigente in materia di manifestazioni a premi (ovvero, il DPR 430/2001). Studiare attentamente il testo della normativa, infatti, permette di evitare di organizzare un concorso a premi non consentito. La normativa specifica le regole da seguire, tutti gli adempimenti da espletare a tutela dei partecipanti, come può essere declinato un concorso a premi, ciò che è possibile prevedere e ciò che invece è vietato. In questo modo, si accorceranno le tempistiche organizzative evitando di incappare nella necessità di riadattare il concorso a causa di cavilli non analizzati in precedenza. Dover modificare l’idea iniziale potrebbe comportare uno spreco di risorse e di tempo: anche per questo è utile studiare la fattibilità del progetto prima di avviare le fasi di organizzazione.

Come verranno premiati i vincitori

Uno degli aspetti da decidere al principio è legato alla meccanica del concorso a premi. È bene definire sin da subito le modalità con le quali verranno premiati i vincitori. Sulla base di questo ragionamento sarà, quindi, possibile stabilire il regolamento che dovrà essere rispettato dai partecipanti per poter vincere il premio.

Prima di definire il funzionamento del concorso a premi è bene comprendere quali sono le migliori modalità di premiazione, se è possibile e utile prevedere una giuria, se il premio verrà attribuito in base a un’estrazione o altre tipologie di processo di vincita.

Non prevedere regolamenti troppo complessi

Un altro consiglio utile per semplificare l’organizzazione del concorso a premi riguarda il regolamento stesso e le modalità di partecipazione al concorso. Prevedendo modalità di partecipazione troppo complesse e articolate, non solo sarà più complicato catturare l’attenzione dell’utente, ma sarà anche più difficile formulare il regolamento da presentare al Ministero delle Imprese e del Made in Italy.

Un regolamento complesso necessiterà di maggiore analisi e di una lavorazione più lunga: tutto ciò si potrebbe trasformare in un grande lavoro da svolgere e in un impiego di risorse e di tempo non indifferente.

Scegliere i premi più adatti

Un consiglio utile per semplificare l’organizzazione di un concorso a premi è scegliere premi che possano essere utili al partecipante. Il premio deve risultare appetibile, ma allo stesso tempo deve saper trasmettere i valori del brand. Il consiglio, quindi, è quello di scegliere come premio un prodotto firmato dal brand promotore del concorso a premi, tra i più apprezzati dal pubblico oppure nuovo (una variante di un prodotto già in catalogo, ad esempio).

In questo modo l’azienda può trarre due benefici: creare interesse verso quel prodotto, mettendolo in palio e diffondendone il valore. Chi vince un premio si aspetta di ricevere un prodotto utile, che abbia un preciso valore e uno scopo, piuttosto che un prodotto di per sé non utile e creato appositamente in occasione del concorso. L’azienda potrà quindi risparmiare sui costi di una produzione extra.

Considerare i costi di spedizione

Per rendere più semplice ma soprattutto efficace un concorso a premi, è bene considerare un altro fattore importante: il costo di spedizione del premio. Questo costo potrebbe, infatti, avere un ruolo cruciale in fase di scelta del premio stesso. Innanzitutto, il premio non dovrà essere un bene troppo delicato, in quanto durante il tragitto sino all’utente potrebbe rompersi (comportando spese extra legate al recupero dell’oggetto e alla nuova spedizione dello stesso).

Molte aziende scelgono premi di valore basso, per poter lanciare un numero maggiore di concorsi a premi soddisfacendo le aspettative di un numero elevato di consumatori. Ma dover consegnare un numero elevato di premi, si trasforma in costi di spedizione ancor più elevati. Pertanto, quando il premio ha un valore basso, il costo di spedizione risulta sproporzionato. In questi casi il consiglio è quello di prevedere, in qualità di premio, una gift card o un codice sconto: il consumatore potrà scegliere autonomamente il premio, mentre l’azienda non dovrà sostenere costi di spedizione di un bene fisico ma potrà inviare una semplice e-mail.

 

Devi organizzare un concorso a premi?
Compila il form sottostante per ricevere informazioni

Redazione Max Marketing

La Redazione di Max Marketing è il cuore pulsante dell’agenzia: esperti in concorsi e operazioni a premi, social contest e privacy. Siamo la squadra che, con passione e precisione, coordina la promozioni nel rispetto della privacy.