Gift Card Amazon premi in concorsi

Perché sono (quasi) sempre contrario a scegliere gift card come premio

13 Dicembre 2023

Indice dei Contenuti

I limiti delle gift card come premio nei concorsi

Nell’articolo Guida alla scelta dei premi per un concorso di successo ho parlato dei fattori da considerare per effettuare una scelta ragionata ed efficace scelta dei premi da mettere in palio nei concorsi a premi, allo scopo di attirare l’interesse e la partecipazione del target.

In questo articolo (mal)tratto le gift card (Amazon, Esselunga, card carburante  etc.), spesso considerate, a torto il miglior premio da mettere in palio in un concorso a premi. Dietro questa preferenza si cela il gradimento personale di chi le propone, cui piacerebbe avere un surrogato del denaro da spendere come crede. Tuttavia, per un marketing manager accorto, le gift card non sono la scelta migliore, per i motivi seguenti.

1. Mancanza dell’”effetto ricordo”

Ogni volta che usiamo un prodotto ricevuto in premio in un concorso o in una promozione a premi, la nostra rete neurale richiama alla memoria il contest ed associa l’esperienza di uso del prodotto al brand che l’ha offerto. Se il prodotto è durevole, come uno scooter, una FIAT 500, un TV OLED, uno smartphone di ultima generazione, l’associazione mentale si attiva ad ogni utilizzo e continua nel tempo.

Le gift card, invece, offrono un’esperienza istantanea: fai rifornimento di carburante, e quando riparti, l’hai già dimenticata! Fai la spesa all’Ipercoop, passi la card alla cassa e te ne sei già dimenticato!

Invece di optare per gift card standard, considera alternative più memorabili. Premi come esperienze uniche, prodotti esclusivi o viaggi possono lasciare un’impressione più duratura e creare un legame più forte tra il vincitore e il brand.

L’effetto ricordo è importante soprattutto nelle campagne di fidelizzazione, in cui vuoi instaurare una relazione duratura con il tuo cliente o consumatore.

2. Basso coinvolgimento emotivo

Le gift card sono sicuramente una scelta comoda per le aziende promotrici: non si perde tempo nello scouting dei premi, si comprano facilmente e non devono essere confezionate. Tuttavia, questa convenienza può tradursi in un impatto promozionale limitato. I partecipanti potrebbero percepire il premio come un’opzione “facile” anziché qualcosa di veramente speciale, riducendo così il coinvolgimento emotivo che è cruciale per il successo di una campagna promozionale.

3. Mancanza di personalizzazione

Le gift card, per loro natura, mancano della personalizzazione che un premio su misura può offrire. Un premio personalizzato può far sentire al vincitore di essere veramente apprezzato e riconosciuto, creando un legame più profondo con il brand. Le gift card, invece, sono un premio generico che non tiene conto delle preferenze individuali.

4. Non sono premi “aspirazionali”

Con tutti i concorsi attivi che propongono in premio banali gift card, credi veramente di riuscire a catturare l’attenzione del tuo target, proponendo anche tu gift card?

5. Le devi pagare in anticipo

A differenza dei premi che noi ti forniamo e ti fatturiamo a fine mese, le gift card le devi comprare dall’emittente e pagarle in anticipo.

Quando le gift card sono una scelta razionale

La scelta di gift card digitali è un’opzione utile e intelligente in un solo caso: quello dei concorsi a premi digitali instant win in cui si assegnano molti premi. In questo caso, la spedizione di premi materiali a centinaia di consumatori può incidere notevolmente sul budget, mentre l’opzione delle gift card digitali, consegnate attraverso codici inviati via email o chat, elimina completamente i costi logistici.

Conclusione

Mentre le gift card sono sicuramente una scelta pratica, da considerare per concorsi a premi digitali instant win, per altre tipologie di campagne è importante considerare l’impatto emotivo e la memorabilità dei premi. Scegliere premi aspirazionali consente di ingaggiare meglio il target, optare per premi che creano un’esperienza indimenticabile può essere la chiave per distinguersi e costruire una connessione duratura con i clienti in campagne di fidelizzazione.

Hai dubbi sulla scelta dei premi?

Se stai pianificando una campagna promozionale e hai dubbi sulla scelta dei premi, siamo qui per aiutarti. Contattaci oggi stesso per una consulenza personalizzata e massimizza l’impatto della tua campagna con premi memorabili.

Massimiliano Ferrari

Laureato alla Bocconi in Economia Aziendale con specializzazione in Marketing. Direttore marketing in varie aziende, nel 2003 avvia la sua prima esperienza imprenditoriale. Nel 2007 fonda Max Marketing che guida ancora oggi. Nella sua carriera ha collaborato ad oltre 1.900 campagne promozionali. È socio FederPrivacy.